casa di riposo rsa

Le residenze per anziani: le diverse tipologie

Tra le Residenze per anziani vi sono le Residenze Sanitarie Assistenziali, Residenze protette, case di riposo, comunità alloggio, case albergo, case soggiorno per anziani e case vacanze per anziani. Quando si parla di Casa di riposo, casa albergo per anziani, casa soggiorno o casa vacanza per anziani si indica sempre lo stesso tipo di struttura, ovvero una struttura socio-assistenziale residenziale per anziani non autosufficienti di grado lieve. Le case di riposo forniscono ospitalità ed assistenza, disponibilità di servizi e occasioni di vita in comunità con stimoli verso attività occupazionali e ricreative.

Anche le comunità alloggio sono strutture socio-assistenziali residenziali per anziani con una non autosufficienza di grado lieve che necessitano di reciproca solidarietà e di vita in compagnia. Le loro dimensioni sono inferiori, una casa di riposo può arrivare a 120 posti letto mentre la capacità ricettiva massima di una comunità alloggio è solitamente di circa 12 ospiti.

Residenze per anziani: le RSA Residenze Sanitarie Assistenziali

Le RSA o case protette sono invece strutture socio-sanitarie residenziali a cui sono destinati anziani non autosufficienti di grado elevato o medio che non hanno necessità di specifiche prestazioni ospedaliere. L’assistenza medica ed infermieristica viene fornita dall’ RSA così come i trattamenti riabilitativi atti a migliorare lo stato di salute e benessere dell’anziano, i posti letto raggiungono un numero massimo di 120 divisi per nuclei da circa 20-30 anziani ciascuno.
I centri diurni assistenziali sono strutture socio-sanitarie che erogano i loro servizi solo di giorno e sono destinate ad anziani con diversi gradi di non autosufficienza. Il loro intento è anche quello di offrire un aiuto alle famiglie, oltre che potenziare e compensare competenze ed abilità legate all’autonomia ed all’identità. La capacità ricettiva dei centri diurni varia da 5 a 25 persone.

Residenze per anziani RSA: modalità di accesso

In una struttura pubblica o convenzionata, bisogna presentare la domanda presso l’Ufficio dei Servizi Sociali del comune di residenza, al quale consegue la visita presso l’U.V.G.(unità di valutazione geriatrica), nella quale il medico-geriatra, valuta le condizioni cliniche del futuro ospite.

Alla visita medica, consegue l’attesa del posto letto, mediante la graduatoria. Nelle strutture private, è sufficiente prendere contatto con la struttura. Nelle strutture pubbliche o convenzionate, l’ospite paga la retta in base al proprio reddito. Nelle strutture private, l’ospite paga in base alla retta decisa dalla struttura.

In attesa di un maggiore approfondimento, per ambito, competenze e aspetti caratteristici ci limitiamo a notare che si tratta di strutture diversificate e che spesso pongono problemi in ordine di organizzazione e di attesa per accedervi.